Premio Biella Letteratura e Industria XIX edizione

Cerimonia conclusiva




Sabato 21 novembre ore 17

Con Maria Paola MERLONI, Luca RICOLFI, Giulio TREMONTI
Christophe BONNEUIL e Jean Baptiste FRESSOZ
e la
PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA di
Romano PRODI e Luigi ABETE

Sabato 21 novembre, a partire dalle 17, si terrà la cerimonia conclusiva della XIX edizione del Premio Biella Letteratura e Industria visibile in diretta streaming dalle pagine Facebook e YouTube del Premio e trasmessa da Rete Biella, Alpi Tv e Tele Biella.

Prevista la partecipazione straordinaria di Luigi Abete e Romano Prodi che interverranno con un contributo su Vittorio Merloni, protagonista dell’opera di Maria Paola Merloni, Oggi è già domani. Vittorio Merloni vita di un imprenditore (Marsilio).
A moderare la serata e a intervistare i protagonisti dell’incontro è stato chiamato Matteo Caccia, autore e conduttore del programma di Radio24 “Linea d’ombra”.

La Giuria del Premio Biella Letteratura e Industria presieduta da Pier Francesco Gasparetto e composta da Claudio Bermond, Paolo Bricco, Paola Borgna, Loredana Lipperini, Giuseppe Lupo, Sergio Pent, Alberto Sinigaglia e Tiziano Toracca ha decretato il VINCITORE di questa XIX EDIZIONE dedicata alla Saggistica:

MARIA PAOLA MERLONI, che, con Oggi è già domani. Vittorio Merloni vita di un imprenditore (Marsilio), racconta la storia del padre e della sua azienda, una testimonianza viva, un modello di ispirazione per il coraggio delle scelte, la passione per il lavoro e la responsabilità verso il bene collettivo.

IL PREMIO GIURIA DEI LETTORI è stato assegnato a LUCA RICOLFI per La società signorile di massa (La nave di Teseo) in cui l’autore introduce una nuova, forse definitiva, categoria interpretativa, che scardina le idee correnti sulla società in cui viviamo.
Alla votazione in questa edizione, oltre alla Giuria dei Lettori composta dai membri dell’Associazione culturale L’Uomo e L’Arte “Il Circolo dei Lettori di Biella”, hanno partecipato anche i librai di Biella.

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a GIULIO TREMONTI, per Le tre profezie. Appunti per il futuro (Solferino Libri) Per fare luce nel grande disordine che oggi investe le nostre vite, Giulio Tremonti prende spunto da tre profezie che emergono dal profondo della storia. Tre chiavi di lettura che l’autore, già anticipatore di paure e speranze dei nostri tempi, intreccia con la personale esperienza di studioso e di protagonista della politica.

PREMIO OPERA STRANIERA a: Christophe BONNEUIL e Jean Baptiste FRESSOZ, autori del saggio La terra, la storia e noi. L’evento antropocene (Treccani). Rifiutando la narrazione ufficiale e in parte autoassolutoria di una specie umana che, inconsapevole delle sue azioni, ha turbato gli equilibri della Terra, Bonneuil e Fressoz tracciano la prima storia critica e politica dell’Antropocene. La loro esplorazione dei fattori economici e sociali alla base del cambiamento climatico fornisce strumenti che propongono un insieme di connessioni e collegamenti che semplificano e aprono gli occhi.

PREMIO LIONS BUGELLA CIVITAS per la Migliore recensione a Giorgio MELIS per la sua recensione a Demofollia (La nave di Teseo) di Michele Ainis.

Le letture dei brani tratti dalle opere vincitrici saranno a cura di Teatrando.


Per maggiori informazioni: biellaletteraturaindustria.it

. Questo sito utilizza cookie esclusivamente tecnici per permettere una corretta navigazione e la completa fruizione di tutti i contenuti da parte dell utente. Non utilizziamo in alcun modo cookie di profilazione. cookie policy.