La ricerca scientifica nell'era dei Big Data

Qui il video e i materiali dell'incontro La ricerca scientifica nell'era dei Big Data, tenutosi giovedì 12 settembre 2019 al Polo del '900 di Torino.

La comparsa, pochi decenni fa, di Internet e della connettività globale ha dato origine ad un fenomeno assolutamente nuovo: un accumulo di enormi quantità di dati conservati in banche digitali, la cui quantità raddoppia ogni pochi giorni e in prospettiva ogni poche ore. E’ la realtà dei Big Data, di cui molto si parla e discute, sovente con toni entusiastici. Ma Big Data vuol dire anche problemi di utilizzo, di interpretazione e rischi di distorsioni. Se questo è rilevante per i dati che hanno un valore economico, l’accumulo di informazione e il come viene trattata ha risvolti altrettanto rilevanti sulla formazione di conoscenza.
Per affrontare queste sfide, cruciali sono il rapporto fra etica e scienza, l’analisi critica su come i dati vengono prodotti e proposti, e il coinvolgimento di tutti i soggetti sociali chiamati in causa.

Di questi temi discuteremo, insieme con l'autrice,  a partire dalla recensione di Davide Lovisolo del libro di Sabina Leonelli, La ricerca scientifica nell’era dei Big Data, Meltemi, nel numero di giugno de L’Indice.

COORDINA
Giovanni Ferrero, Presidente ISMEL

INTRODUCE
Davide Lovisolo, L'Indice dei Libri del Mese

INTERVIENE
Sabina Leonelli, University of Exeter, consulente della Commissione Europea per l'Open Science

NE DISCUTONO
Alfredo Paternoster, Università degli Studi di Bergamo
Pietro Jarre, Sloweb

Un'iniziativa in collaborazione con Unione Culturale Franco Antonicelli e L'indice dei Libri del Mese