.

Partecipa al

 

Polo-del-900







Programma di attività 2009-2011 Stampa E-mail
Nel primo effettivo anno di esistenza dell'Istituto, il 2009, il suo programma di attività è stato condizionato da un bilancio pressoché simbolico.

Dopo la costituzione e al formazione degli organi statutari nel 2008, nel corso dell'anno 2009 si sono svolte riunioni varie sia dell'Assemblea Soci che del Consiglio di Amministrazione e di gruppi di lavoro (in particolare per Biblioteche e Archivi e per un convegno fra gli istituti per la memoria). A dicembre è stata acquisita una prima donazione di documentazione libraria e archivistica appartenente a Renato Lattes, che costituirà un primo fondo unitario, per il cui ordinamento è stato richiesto contributo regionale.


 I temi che si intendono affrontare a partire dal 2010 si riferiscono a tre ambiti, diretti a:

precisare il posizionamento dell'Istituto nell'ambito cittadino, regionale e nazionale, attraverso il confronto con enti e istituzioni analoghe;
sviluppare l'analisi dei servizi e delle attività previste dallo scopo sociale;
sollecitare enti, istituzioni e organismi pubblici e privati, indicati dallo Statuto e dal Consiglio di Amministrazione di prima costituzione, all'adesione come Soci fondatori.


Nel secondo e terzo anno di esistenza dell'Istituto, il 2010 e 2011, oltre a concludere le adesioni dei Soci fondatori, vengono esplicitate le elaborazioni e le proposte dei gruppi di lavoro costituiti:
gruppo Biblioteche e Archivi per la identificazione di criteri e regole comuni di ordinamento e catalogazione; acquisizione di prime donazioni di fondi archivistici e bibliotecari come patrimonio Ismel; altre iniziative dell'Istituto in collaborazione con la Città di Torino, la Regione Piemonte, la Soprintendenza archivistica, l'Archivio di Stato per analizzare potenzialità e criticità esistenti con anticipo rispetto all'insediamento nella sede di via Del Carmine 14; gruppo di lavoro per la progettazione e la realizzazione di un convegno internazionale fra enti e istituzioni, con missione simile a quella dell'Ismel, per un confronto che favorisca la migliore definizione del progetto Ismel; 

gruppo di progetto per una iniziativa indirizzata a celebrare il 150° dell'Unità d'Italia;
avvio di confronti con altre istituzioni analoghe nell'area torinese, utili a individuare possibili coerenze per le rispettive missioni e per la razionalizzazione di comuni servizi.

 

Nel corso del 2010 si è proceduto al recupero di materiale archivistico rimasto incustodito nello stabile della Fiat Grandi Motori, ora acquisito da Esselunga, anche questo acquisito come fondo unitario da riordinare e inventariare.

 
Copyright © 2017. ISMEL. Designed by Mediafactory